PharmaDay 2016 - 10.a edizione - Peter Schulz - PharmaDay

by Tanea Sagl
Vai ai contenuti

PharmaDay 2016 - 10.a edizione - Peter Schulz

Archivio > 2016

PharmaDay 2016
Il congresso farmaceutico ticinese
Un modello di evento unico in Svizzera


"Comunicazione efficace: capire ed ascoltare per curare meglio"
Sabato 11 giugno 2016 - Centro studi bancari Villa Negroni- Vezia
Crediti formazione: Farmacisti: 50 punti FPH (1-1023653-1-2016-P50.00) - Medici: 6.5 crediti Medicina interna e Medicina generale

Peter Schulz
È professore ordinario di Teoria della Comunicazione e Comunicazione Sanitaria (Health Communication). È, inoltre, direttore dell’Institute of Communication and Health dell’USI e della scuola dottorale Communication & Health, finanziata dal programma Pro*Doc del FondoNazionale Svizzero. Prima della sua attività all’USI a partire dal 1999, ha studiato presso le università di Francoforte, Münster, Cracovia, Friburgo in Brisgovia e Eichstätt. Attualmente è titolare di numerosi finanziamenti finalizzati a progetti di Health Communication, promossi dal Fondo Nazionale Svizzero e da altre istituzioni (come ad esempio King’s Fund, UK, CancerBackup, UK, e Health Promotion Switzerland). I suoi interessi principali nell’ambito della ricerca sonoconcentrati nel campo delle teorie della comunicazione e della comunicazione medico-paziente.
Farmacisti, medici e comunicazione: passaggio dalla ricerca alla pratica.

Obbiettivo dell’intervento è presentare una rassegna aggiornata ed esaustiva degli studi scientifici che si sono occupati di valutare e misurare la qualità della comunicazione utente – farmacista e medico - paziente e dell’impatto che questa può avere su diversi fattori legati alla salute dell’individuo.

Verranno approfonditi aspetti relativi all’aderenza farmacologica, con particolare attenzione agli utenti anziani (sopra i 65 anni) e alle persone che presentano un basso livello di cultura della salute. Verranno suggeriti interventi e strumenti che sono risultati efficaci nell’aumentare l’aderenza farmacologica e che potrebbero essere utilizzati dai farmacisti e medici nella pratica quotidiana.

Infine, saranno presentati i risultati ottenuti da uno studio osservazionale condotto nel Canton Ticino grazie alla collaborazione di un campione significativo di farmacisti ticinesi sensibili a questa tematica.

Obbiettivo dello studio è descrivere e confrontare come viene percepito il ruolo del farmacista nel supportare comportamenti finalizzati alla salute, utilizzando sia la prospettiva del farmacista sia quella degli utenti della farmacia.

Dott.ssa Elisa Galimberti
Ricercatrice post-doc presso l'Institute of Communication and Health dell’Università della Svizzera italiana. Ha conseguito il dottorato di ricerca in Medicina Molecolare nel 2012 e la laurea in Psicologia Clinica nel 2006 presso l'Università Vita-Salute San Raffaele, Milano. Attualmente si occupa di studiare i fattori coinvolti nell'aderenza alle terapie farmacologiche, con particolare attenzione agli aspetti psicologici e comunicativi.    

Marta Fadda
Ricercatrice dottoranda presso l’Institute of Communication and Health dell’Università della Svizzera italiana dal 2013. Ha conseguito la laurea specialistica in Antropologia Culturale nel 2010 presso l’Università di Londra. Attualmente si occupa di vaccinazioni pediatriche e dei motivi del dissenso da parte dei genitori. La sua ricerca si focalizza in particolare su rischi e potenzialità di Internet e delle nuove tecnologie nello sviluppo dell’opinione sulle vaccinazioni infantili, sul senso di autonomia dei genitori nella decisione sulle vaccinazioni e sulle loro conoscenze riguardo i vaccini.
In collaborazione con:
PharmaDay
Il congresso farmaceutico ticinese
© by Tanea Sagl - CH Lugano
PharmaDay
Il congresso farmaceutico ticinese
© by Tanea Sagl - CH Lugano
Torna ai contenuti